Isadora Duncan

La bella Isadora di origine americana nasce sotto le stelle della libertà e dell’indipendenza e da esse sarà guidata per il resto della sua vita. Già attraverso i primi passi la piccola Isadora esprime il suo amore per la musica e l’arte della danza tanto da diventare insegnante in tenerissima età. Isadora è innamorata della danza per il senso di libertà che essa le trasmette. Da buona anticonformista e spirito ribelle odia profondamente il rigore e l’eleganza formale del balletto classico dichiarando così che la sua missione sarà quella di inventare e presentare al mondo intero la danza del futuro! Spinta da una forte passione e grande determinazione compiuti 18 anni Isadora si imbarca su una nave da bestiame per compiere il primo viaggio oltre oceano che cambierà la sua vita per sempre. Next stop: Londra! E dopo sarà la volta di Parigi, Vienna e Berlino!

Isadora è innamorata non solo della danza ma anche dell’amore..! La sua energia e identità di donna emancipata emanano vibrazioni tali da avvoglere come un incantesimo chiunque le sta intorno donando amore incondizionato e vivendo le relazioni con grande intensità. Quando danza Isadora sprigiona se stessa, la sua non consiste in una mera esecuzione di una coreografia ma è una vera propria rappresentazione e personificazione della danza stessa. La danza è per lei espressione primordiale del linguaggio corporeo e per questo sceglie di lasciare libero il suo corpo indossando leggeri abiti bianchi e lunghe sciarpe per ondeggiare come onde sul mare dell’oceano e foglie sulle note del vento. I piedi nudi a contatto con il palco, la sua terra, le donano nutrimento e ispirazione. A guidare Isadora sono il sentimento e la passione suscitati dalla natura e potenza della musica: da essa si lascia trasportare in movimenti liberi e ai suoi allievi insegna a trovare ed evocare i propri.

Ascoltando il suo cuore ed esprimendo la sua vera identità Isadora ha contribuito a rivoluzionare radicalmente il mondo della danza diventando una delle più importanti pionere della futura danza moderna. Di fronte al giudizio e alle maldicenze della gente lei se ne è sempre sbattuta e a testa alta ha continuato ad andare dritta per la sua strada. Sono stati in tanti a giudicarla una donna indecente per la libertà con cui viveva il proprio amore sia verso l’uomo che verso la danza ma lei era felice così; era felice perchè aveva il coraggio di vivere fino in fondo fedele a se stessa. Vivere in accordo a noi stesse non è facile, ci si scontra con la società e prima di tutto con le proprie paure, debolezze e desideri più intimi e nascosti. Ma quando capiamo che in termini di capacità e opportunità siamo tutte uguali e allo stesso tempo uniche e speciali nelle nostre identità allora in quel momento crollano i muri e la nostra vera essenza esplode come una stella illuminando con ogni singolo gesto qualsiasi cosa vi sia intorno. Lei amava quello che faceva e questo l’ha resa immortale. E’ questo il segreto: amare quello che si fa. Compiere ogni gesto con amore, perchè vuoi o non vuoi quel gesto sei TU a compierlo quindi tanto vale farlo con amore: l’azione diventa più fluida e naturale, tu sei più leggera e gli altri provano piacere ad aver avuto a che fare con te. Tutto parte da noi. Smettiamola di provare vergogna verso ciò che desideriamo realmente: tiriamolo fuori e gridiamolo al mondo intero! Proprio come Isadora disse: <<io mi rifiuto di indossare scarpe e abiti comprimenti ed eseguire movimenti inventati da chissà chi>> diamo voce alla voce del nostro cuore, dei nostri sogni e della donna che vive in noi!

Grazie Isadora per aver sempre seguito il tuo istinto e con grande coraggio di aver dato espressione concreta alla tua libertà interiore! Sei un grande esempio e per questo ti ricorderemo per sempre!