Samantha Cristoforetti

Classe 1977 e milanese di origine. Samantha fin dalla tenera età mostra grande tenacia e determinazione ad inseguire i propri sogni. Tra i banchi di scuola si impegna molto senza privarsi della propria libertà e curiosità di bambina. Samantha vive la sua vita a 360° inconsapevole che in un futuro non molto lontano diventerà la Donna dell’Asteroide 15006.

Durante le superiori decide di mettersi in gioco partecipando al programma Intercultura il quale la porterà a scoprire da vicino la cultura degli States. Trascorre sei mesi nel Minnesota nella High School di St. Paul e siccome Samantha non smette mai di ascoltarsi e di seguire ciò l’istinto le dice, decide di prendere parte allo Space Camp in Alabama, un campus dove i ragazzi hanno la possibilità di familiarizzare con lo spazio e le leggi della fisica che governano l’universo. Samatha è totalmente affascinata da tutto ciò che riguarda i pianeti e le stelle e proprio in quel momento sente nel cuore nascere un desiderio: “Da grande voglio fare l’astronauta!“.

Non c’è giorno in cui Samantha non mette un’azione volta alla realizzazione di questo grande sogno: si laurea a pieni voti in ingegneria, diventa un’aviatrice modello sbaragliando l’ampia concorrenza maschile ed infine nel 2009 a soli 32 anni viene selezionata tra più di 8.000 candidati provenienti da tutto il mondo per entrare a far parte di un team molto speciale formato da sole 6 persone… Il team degli Astronauti!

Samantha ha realizzato il suo più grande desiderio e sa che questo non è solo un traguardo raggiunto ma l’inizio di tante altre importanti vittorie e meravigliose scoperte…! Con la missione FUTURA registrerà il record europeo e femminile di permanenza nello spazio, ben 199 giorni con le stelle e i pianeti come vicini di casa e una vista mozzafiato sulla Grande Madre Terra. Samantha ha un nuovo desiderio nel cuore: condividere tutto ciò con il mondo intero; far si che tutti possano un giorno andare nello spazio e vedere il mondo da un’altra prospettiva. Senza perdere tempo Samantha si mette subito all’opera conducendo in prima persona studi ed esperimenti sulla reazione dell’organismo umano a vivere in assenza di gravità. Samantha ha un cuore e un’anima talmente grande e umile che non ha minimamente idea di quanto sia di ispirazione per la società, sopratutto per i giovani. Decide di partecipare all’evento “Spazio chiama Terra” rispondendo alle domande dei giovani sognatori direttamente dalla navicella spaziale in orbita. La sua energia è talmente potente e la sua luce così chiara e luminosa che in onore della sua forza non solo nel 1999 le è stato dedicato l’Asteroide 15006 SamCristoforetti ma  anche un’orchidea molto molto rara nata in terra salentina.

E’ incredibile come una donna così com’è, nella sua semplicità e con i suoi piccoli ma grandi sogni immensi di bambina riesce a diventare un grande modello ispiratore per il tutto il mondo. Ciò che più mi colpisce della sua vita è la sua determinazione nel far diventare realtà un desiderio non arretrando mai di un solo passo e soprattutto non pensando mai, neanche per un secondo, che questo desiderio sia impossibile da realizzare. Ha affrontato allenamenti molto duri in cui non vi era distinzione tra uomo e donna: ha imparato a montare l’attrezzatura sul fondo di una piscina profonda 4 volte una piscina standard, ha nuotato con la tuta da astronauta e come un’abile guerriera ha combattuto nelle profondità delle acque. Ma soprattutto, oltre agli immensi sforzi fisici Samantha ha resistito alle forti pressioni di un ambiente ancora prevalentemente maschile. E noi donne sappiamo quanto sia difficile tutt’oggi trascorrere la maggior parte delle nostre ore giornaliere in un ambiente in cui solo per far si che la nostra voce venga ascoltata con autorevolezza, ci viene chiesto di mettere da parte la famiglia e di essere totalmente flessibili in termini di orario in modo che la nostra produttività sia tale e quale a quella maschile. Attenzione! Con questo non dico che noi donne non siamo in grado di svolgere il lavoro come gli uomini, anzi, dico esattamente l’opposto. Sostengo solo che l’uomo e la donna hanno per natura delle propulsioni differenti e che una scelta di dedizione alla carriera debba essere realmente una SCELTA LIBERA e consapevole e non dettata e/o obbligata dalle circostanze come la paura di perdere il posto di lavoro o di essere giudicata una donna di serie B. Nonostante tutto ciò, Samantha l’astronauta ha sprigionato tutta la sua immensa bellezza diventando anche mamma di una bimba meravigliosa che già solo con il suo nome dona al mondo un messaggio di Coraggio e Speranza infinita. La Speranza è Vita. I sogni sono Vita! E finchè viviamo abbiamo la missione di continuare a sognare e desiderare!

Samantha è una di noi e un pezzetto della sua forza pulsa giorno dopo giorno nel nostro cuore. Grazie Samantha! Donna Asteroide 15006! Sei un grande esempio per molte di noi!